David Perkins

perkinsDavid Perkins ha ottenuto il suo dottorato di ricerca in matematica e intelligenza artificiale presso il Massachusetts Institute of Technology nel 1970. É membro fondatore di Project Zero presso la Harvard Graduate School of Education. Questo gruppo di ricerca e sviluppo si é occupato inizialmente di psicologia e filosofia della formazione nel campo delle arti, e in seguito ha ampliato notevolmente i propri interessi fino a comprendere lo sviluppo cognitivo e le capacità cognitive sia in ambito umanistico e nei settori scientifici. David Perkins è stato co-direttore di Project Zero per più di 25 anni, con il prof. Howard Gardner, ed è ora Senior Co-direttore e membro del comitato direttivo. É docente senior della formazione presso la Harvard Graduate School of Education.

Ha condotto programmi a lungo termine di ricerca e sviluppo in materia di insegnamento e apprendimento per la comprensione, la creatività, il problem-solving e di ragionamento nel campo delle arti, delle scienze, e la vita di tutti i giorni. Ha anche studiato il ruolo delle tecnologie didattiche nell’insegnamento e nell’apprendimento, e ha progettato strutture e strategie di apprendimento nelle organizzazioni per facilitare la comprensione personale e organizzativa e intelligenza. Queste indagini rispecchiano una concezione della mente che enfatizza le relazioni interdipendenti tra il pensiero, l’apprendimento e la comprensione. I tre dipendono profondamente l’uno dall’altro. L’apprendimento significativo mira a comprendere e dipende dal pensare con e su ciò che si sta imparando. Pensare efficacemente nello studio disciplinare e in generale, implica la comprensione delle risorse della mente e imparare a utilizzarle con sensibilità e sistematicamente.

La ricerca di David Perkins sulla creatività ha portato alla redazione del libro, The Mind’s Best Work (Harvard University Press, 1981), un esame della psicologia della creatività che ha raccolto molti consensi. É co-autore con Raymond Nickerson e Edward Smith The Teaching of Thinking (Lawrence Erlbaum Associates, Inc., 1985), un libro che esamina in modo esaustivo lo stato dell’arte nell’insegnamento del pensare. Il suo Knowledge as Design è stato pubblicato da Lawrence Erlbaum Associates, Inc. nel 1986. Questo libro presenta un quadro di riferimento per la rendere lo studio disciplinare più accessibile e significativo attraverso l’enfasi sul ragionamento e il pensiero inventivo. É co-autore con Robert Swartz di Teaching Thinking: Issues and Approaches (Midwest Publications, 1989), una guida per gli operatori. É co-autore con Abigail Lipson di Block–Getting Out of Your Own Way: The New Psychology of Counterintentional Behavior in Everyday Life (Lyle Stuart, 1990). Il suo Smart Schools: From Training Memories to Educating Minds (The Free Press, 1992) riunisce idee e ricerca dalle scienze cognitive e da altre discipline per creare una nuova visione della scuola. É co-editore con Robert Weber di Inventive Minds (Oxford University Press, 1992), una raccolta di articoli di inventori contemporanei, storici della tecnologia, e psicologi cognitivi che divulga conoscenze sul processo di invenzione.

Il suo libro The Intelligent Eye: Learning to Think by Looking at Art (Il Getty Center per l’educazione nelle Arti, 1994), indaga su come le persone possono coltivare modi più attenti e penetranti di vedere l’arte. E ‘co-autore con Shari Tishman e Eileen Jay di The Thinking Classroom: Learning and Teaching in a Culture of Thinking (Allyn and Bacon, 1995), un libro sulla didattica del pensiero che si concentra sulla creazione di una cultura di pensare in classe . É co-editore di Software Goes to School, un libro sul ruolo della tecnologia nella didattica (Oxford University Press, 1995). Il suo Outsmarting IQ: The Emerging Science of Learnable Intelligence (The Free Press, 1995) esplora come gli sforzi contemporanei per insegnare una maggiore competenza di pensiero sfidi il concetto tradizionale di IQ.

É tornato alla pubblicazione di libri con un libro-dichiarazione sulla creatività con Archimedes’ Bathtub: The Art and Logic of Breakthrough Thinking (Norton), pubblicato in edizione economica come The Eureka Effect. Le sue idee sullo sviluppo organizzativo hanno visto la luce in King Arthur’s Round Table: How Collaborative Conversations Create Smart Organizations (Wiley, 2003) e Learning at Work: Research Lessons on Leading Learning in the Workplace (Wilson, D., Perkins, D., Bonnet, D., Miani, C., Unger, C., Harvard Project Zero, Cambridge MA, 2005).

Nella sua ricerca, David Perkins si è concentrato su progetti che coinvolgono un mix di
ricerca di base e lo sviluppo di interventi. Ha partecipato alla progettazione e
sperimentazione di Odyssey, un corso per insegnare abilità di pensiero per le seconda classe SSIG in Venezuela. Dimostrato di essere molto efficace, il corso è stato pubblicato in una versione in lingua inglese di Charlesbridge Publishing di Watertown, Massachusetts. In qualità di associato dell’ Educational Technology Center presso la Harvard Graduate School of Education, ha intrapreso un percorso di ricerca sulle applicazioni della tecnologia all’istruzione. Assieme ai colleghi ha sviluppato Thinking Connections (Addison Wesley, 1994), un programma per integrare l’insegnamento del pensiero con le materie disciplinari. Ha co-insegnato un corso a distanza interattivo, Thinking to Learn, che ha aiutato gli insegnanti a integrare l’insegnamento del pensiero nella loro materia disciplinare. I suoi attuali lavori, in collaborazione con alcuni colleghi, riguardano progetti di ricerca e sviluppo su insegnamento e apprendimento per pensare e comprendere, tra cui molti in collaborazione con i gruppi di ricerca in Venezuela, Israele, Svezia, Paesi Bassi e Australia.

Advertisements